Crescere imprenditori un progetto per i giovani

Banner crescere imprenditori

Crescere imprenditori” è solo l’ultimo dei progetti che il mondo camerale, ed in particolare la Camera di commercio di Ravenna, segue nell’ambito di Garanzia Giovani, con riferimento alla misura 7 “Sostegno all’autoimprenditorialità”.

In ordine di tempo è stato infatti preceduto da “Fare impresa”, con il quale 12 ragazzi sono stati seguiti nella valutazione del loro progetto imprenditoriale con un percorso formativo gratuito di 57 ore e da “Crescere in digitale”, grazie al quale ragazzi, ai quali erano state fornite competenze in ambito digitale, hanno potuto incontrare ed essere avviati a tirocini formativi con imprese del nostro territorio.

Per quanto riguarda “Crescere Imprenditori”, il target a cui ci si rivolge è quello dei giovani Neet iscritti a Garanzia Giovani e che, a livello nazionale, rappresentano una platea di oltre 6.000 ragazzi.

Parliamo quindi di ragazzi che, nel momento in cui aderiscono alla misura, non sono interessati da alcuna politica attiva (non lavorano e non studiano), ma hanno un’idea imprenditoriale. Ed è proprio a sostegno di quest’embrione d’impresa che si muove “Crescere Imprenditori” offrendo, entro il 2017, un ”percorso formativo gratuito di 80 ore volto all’accompagnamento alla creazione d’impresa ed alla stesura del business plan.

La Cciaa di Ravenna, che da oltre un decennio investe risorse crescenti in termini di personale e impegni economici al sostegno alla creazione d’impresa attraverso sportelli dedicati, quali lo Sportello Genesi per le nuove imprese e lo Sportello per le start up innovative, ha colto con entusiasmo quest’opportunità assumendosi l’onere di organizzare i corsi il cui svolgimento avverrà presso la propria sede, presumibilmente già a partire dal mese di novembre 2016.

Perché il business plan? Perché è uno strumento imprescindibile al fine di ridurre il rischio d’impresa e gettare le basi per lo sviluppo ed il radicamento della stessa dopo la fase di start up e perché rappresenta la bussola dell’imprenditore ed il documento per ottenere credito e finanziamenti.

Il percorso formativo si attuerà in due fasi: la prima di 60 ore in aula per gruppi di al massimo 12 ragazzi volta al generale sviluppo dell’imprenditorialità, la seconda di 20 ore personalizzata (1-3 ragazzi) finalizzata alla realizzazione del business plan. Il tutto non si protrarrà per più di 20-25 giorni, con frequenza obbligatoria.

Le materie trattate nella prima fase vanno dalla legislazione contrattualistica e del lavoro, all’economia, finanza e controllo d’impresa, a basi di diritto commerciale, marketing e web marketing, fino alla selezione del personale. Fra le figure coinvolte nelle docenze ci saranno commercialisti, consulenti marketing, del lavoro, legali e professionisti legati alle caratterizzazioni dei singoli progetti imprenditoriali.

Sportello Genesi

Per aderire al progetto i ragazzi dovranno innanzitutto iscriversi a Garanzia Giovani tramite il portale nazionale www.cliclavoro.gov.it, avendo in questa fase come riferimento i Centri per l’impiego; una volta presi in carico dai Centri per l’impiego, con le credenziali ottenute dal portale, potranno accedere al test di valutazione della propensione all’autoimprenditorialità dal sito www.filo.unioncamere.it, superato il quale saranno presi in carico dal sistema camerale ed avvisati nel momento in cui i corsi saranno avviati nella sede da loro indicata (tempo massimo d’attesa 60 giorni). Ai ragazzi che hanno già concluso il percorso formativo è stato chiesto se, alla luce dell’esperienza, lo consiglierebbero ai loro amici; queste in sintesi le risposte:

  • sì, perché è importante avere strumenti di verifica della fattibilità senza improvvisare;
  • sì, perché siamo stati accompagnati in ogni fase con attenzione specifica verso i nostri progetti da formatori competenti ed esperti;
  • sì, perché ci è stata concessa un’occasione per condividere in gruppo problematiche e conoscenze;
  • sì, perché ho potuto sviluppare la mia idea in libertà ed autonomia pur essendo seguito ed ascoltato;
  • sì, perché abbiamo preparato un business plan indispensabile all’avvio d’impresa, del tutto gratuitamente.

Una volta portata a termine la formazione e quindi conclusa la misura 7.1 “Crescere imprenditori”, per questi giovani aspiranti imprenditori si apre un’ulteriore ghiotta opportunità, rappresentata dalla possibilità di accedere alla misura di finanziamento agevolato7.2 Selfiemployment gestita da Invitalia (www.invitalia.it) avendo, nella valutazione della domanda, con particolare riferimento al business plan, 9 punti aggiuntivi su di un totale di 45 punti rispetto a coloro che non hanno effettuato il percorso di Crescere Imprenditori.

Questa misura dà la possibilità di veder finanziato il proprio progetto d’impresa con un massimo di 50.000 euro a tasso zero, senza garanzie reali, restituibili in 7 anni e di accedere a servizi gratuiti di tutoraggio nella fase di start up. Il progetto Crescere Imprenditori per la Camera di commercio di Ravenna è gestito dallo Sportello Genesi nuove imprese, che da anni offre gratuitamente servizi di consulenza e primo orientamento alla creazione d’impresa.

Per ulteriori informazioni: sportellogenesi@ra.camcom.it

 

di Roberta Drei
Capo ufficio Sportello Genesi nuove imprese e incentivi
Cciaa Ravenna